GEODI – UNINT

La strategia asimmetrica dell’Iran e il rischio di escalation in Libano

Nella notte tra il 13 e il 14 aprile la Repubblica Islamica dell’Iran ha condotto il più grande attacco dronico mai registrato contro lo Stato di Israele. L’operazione, denominata “Promessa sincera”, ha visto l’impiego di 170 droni, 120 missili balistici e almeno 30 missili guidati e costituisce il primo attacco diretto della Repubblica islamica contro Israele dalla rivoluzione khomeinista del 1979. L’operazione è stata condotta come risposta all’attacco aereo israeliano del 1° aprile contro l’ambasciata iraniana in Siria, nella quale sarebbero deceduti 13 funzionari.

Iran: la strada in salita del riformatore Massoud Pezeshkian

L’Iran ha un nuovo presidente. Settant’anni a settembre, il cardiochirurgo e parlamentare che chiede “relazioni costruttive” con Washington e i Paesi europei per “far uscire il Paese dal suo isolamento”, ha vinto il secondo turno delle elezioni presidenziali di venerdì 5 luglio 2024, davanti all’ultraconservatore Saïd Jalili, 58 anni. Ma il candidato neo eletto resta “sorvegliato speciale” nel campo dei sostenitori della linea dura del regime di Teheran.

Iran: voto o non voto? Questo è il dilemma

Iran: voto o non voto? Questo è il dilemma La morte del presidente Ebrahim Raisi e della sua delegazione in un incidente in elicottero, il 19 maggio 2024, vicino al villaggio di Uzi nell’Azerbaigian orientale, ha inaugurato un periodo di incertezza politica in Iran. La morte di Raisi, considerato uno dei favoriti a succedere all’ayatollah […]

2024, il super anno elettorale. Come se la sta cavando la democrazia?

2024, il super anno elettorale. Come se la sta cavando la democrazia? Il 2024 è il super-anno elettorale. Una chiamata alle urne per 76 paesi, con 4,1 miliardi di persone alle urne (51% della popolazione mondiale) e, in particolare, con più della metà del PIL globale. Molte le sfide in grado di ridisegnare potenzialmente gli […]

Se l’Ayatollah diventa social: Khamenei scrive ai figli del “Grande Satana”

Se l’Ayatollah diventa social: Khamenei scrive ai figli del “Grande Satana” Ha galvanizzato l’attenzione dei principali media internazionali, il 30 maggio 2024, la lettera della Guida Suprema della Rivoluzione Islamica dell’Iran, l’Ayatollah Ali Khamenei, indirizzata al movimento studentesco americano. L’effetto è stato un’eco virale nei circoli politici e mediatici globali, sia arabi che occidentali.  Si […]

Per una Geografia dei movimenti pro Palestina in Italia

A partire dall’offensiva israeliana sul territorio di Gaza, in reazione all’attacco subito il 7 Ottobre 2023 dall’organizzazione terroristica Hamas e da altre forze minori della resistenza armata palestinese, si è assistito su scala globale a una serie di manifestazioni di solidarietà verso la popolazione di Gaza. In buona parte dell’Occidente, Italia inclusa, le università hanno rappresentato lo spazio simbolico di questi movimenti. Molto più rare, invece, sono state le iniziative studentesche pro israeliane, di condanna contro le atrocità subite dalle vittime e dagli ostaggi israeliani del 7 ottobre.

Iran «lost in transition»: la morte del Presidente Raisi e le sue ricadute

Iran «lost in transition»: la morte del Presidente Raisi e le sue ricadute Alle  8 di mattina di lunedì 20 maggio 2024, ora locale di Teheran, la TV di Stato iraniana ha riferito che il presidente Ebrahim Raisi ed il ministro degli Esteri, Hossein Amir-Abdollahian, sono morti in un incidente in elicottero. Il velivolo è […]

Il riconoscimento di uno Stato palestinese: una sconfitta per Hamas, non un premio

Il riconoscimento di uno Stato palestinese: una sconfitta per Hamas, non un premio In questo 2024, al suo quinto mese, il mondo osserva due eventi storici che hanno plasmato il destino del Medio Oriente. Il 14 maggio, infatti, Israele celebra il suo 76° Giorno dell’Indipendenza dal 1948, quando Ben Gurion, leader dell’Agenzia ebraica, proclamò la […]